24
Gen2019

CERTIFICAZIONE BIO: ATTENZIONE AI TERMINI PER IMPUGNARE

L’impugnazione del provvedimento emesso da un Organo di Controllo (OdC) deve essere effettuata entro sessanta giorni che decorrono dal primo provvedimento immediatamente efficace e lesivo. È da tale momento che comincia a decorrere il termine per poter impugnare innanzi al Giudice Amministrativo, termine che, una volta scaduto, espone alla pronuncia di irricevibilità da parte dell’autorità giudiziaria.

È quanto ha scoperto suo malgrado una società agricola del settore vitivinicolo che si è vista rigettare il ricorso proposto nel 2017 al Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria contro dei provvedimenti di mancato rilascio del certificato di conformità.

L’OdC aveva provveduto, nel luglio 2016, ad effettuare un primo prelievo di campioni di uva prodotta dall’azienda; a seguito di tale operazione veniva riscontrata la presenza di residui di fungicida non ammesso in agricoltura biologica il che aveva condotto già a dei provvedimenti  basati sul famigerato Decreto Ministeriale 20 dicembre 2013 (Disposizioni per l’adozione di un elenco di «non conformità» riguardanti la qualificazione biologica dei prodotti e le corrispondenti misure che gli Organismi di Controllo devono applicare agli operatori): da una parte la sospensione per sei mesi della certificazione e dall’altra il ritorno in conversione per tre anni.

Provvedimenti che l’impresa non impugnava tempestivamente innanzi al giudice amministrativo, forse in attesa dell’esito del ricorso interno previsto dallo schema di certificazione, che dunque non interrompe i termini per la proposizione di impugnative giudiziali; solo nel 2017 a fronte di un ulteriore provvedimento con cui l’OdC confermava la propria posizione, era introdotto il ricorso amministrativo.

Il T.A.R. ha però rigetto la richiesta di intervento in quanto erano decorsi i termini previsti dal Codice amministrativo e sul presupposto che il provvedimento del 2016 fosse definitivo e pienamente efficace nei confronti della ricorrente.

La sentenza del T.A.R. Calabria conferma l’importanza per l’impresa agro-alimentare di verificare con rapidità e appropriatezza i provvedimenti afflittivi che un OdC può aver emesso a suo carico. Spesso, l’attesa un po’ passiva del concludersi del ricorso interno previsto da ogni sistema di certificazione del biologico, consuma tempo prezioso con grave danno delle ragioni delle aziende interessate all’uso del “marchio bio”.

Occorre infine ricordare che contro i provvedimenti degli OdC del biologico è esperibile anche azione in sede civile sia a titolo di risarcimento del danno ma anche, stando a un filone giurisprudenziale bolognese,  in sede cautelare, sebbene la giurisprudenza non abbia ancora maturato orientamenti univoci sui diversi profili processuali che vengono in considerazione.

Il tema della responsabilità degli organismi di controllo designati dal Ministero delle politiche agricole alimentari forestali e del turismo è all’attenzione recente di chi pratica e studia il diritto alimentare e sempre più interessa le aule giudiziarie con orientamenti non sempre uniformi.

Condividi

Lascia un tuo commento

Please enter your name.
Please enter comment.
Articoli recenti
Contattaci




Autorizzo all’utilizzo dei miei dati per la risposta, come da informativa sulla privacy policy

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti
error: Contenuto protetto !