14
Giu2019

ALIMENTI SOGGETTI A NOTIFICA: PROROGATI I TERMINI

Il termine del 30 giugno 2019, previsto per la rinotifica degli integratori alimentari e altri alimenti soggetti a notifica ministeriale, già notificati prima del 1° gennaio 2015 con il sistema cartaceo, è stato prorogato a data da destinarsi. Tanto risulta dall’ultimo aggiornamento delle FAQ pubblicate dal Ministero della Salute.

Com’è noto la procedura di notifica degli “alimenti soggetti a notifica” è stata recentemente modificata e gli alimenti notificati anteriormente al 1° gennaio 2015 con il “vecchio” sistema cartaceo sono stati inseriti all’interno di un Registro transitorio. Ciò implica che laddove l’Operatore del Settore Alimentare (OSA) abbia ancora interesse a continuarne la commercializzazione, debba necessariamente procedere ad una “rinotifica” degli stessi attraverso il Nuovo Sistema Informativo Sanitario (NSIS).

Si ricorda che tale procedura di notifica è prevista in base a quanto previsto dalla disciplina europea relativamente a talune categorie merceologiche, tra cui: integratori alimentari (Dir. 2002/46/CE); alimenti addizionati di vitamine e minerali (Reg. CE 1925/2006);  alimenti addizionati di vitamine e minerali per bambini da 1 a 3 anni (ex latti di crescita – Reg. CE 1925/2006);  alimenti senza glutine specificamente formulati per celiaci (Reg. UE 828/2014); alimenti a fini medici speciali (Dir. 99/21/CE); formule per lattanti (Dir. 2006/141/CE); alimenti proposti come diete totali per la riduzione del peso (Reg. UE 2017/1798), con decorrenza dal 27 ottobre 2022). Per le formule di proseguimento con sostanze diverse da quelle elencate nell’allegato 2 del regolamento (UE) 2016/127 (in questo caso l’obbligo di notifica decorre dal 22 febbraio 2020) o con idrolizzati proteici l’obbligo di notifica al Ministero della Salute decorre rispettivamente dal 22 febbraio 2020 o 22 febbraio 2021.


Infine che nella diversa ipotesi in cui l’OSA non abbia interesse alla commercializzazione dei prodotti inclusi nel Registro transitorio non è necessaria alcuna rinotifica o comunicazione. Qualora, invece, tale interesse sorga successivamente all’avvenuta notifica online, l’OSA sarà tenuto a notificare la cessazione della commercializzazione dell’alimento.

Condividi

Leave your comment

Please enter your name.
Please enter comment.
Articoli recenti
Contattaci

Autorizzo all'utilizzo dei miei dati per la risposta, come da informativa sulla privacy policy

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti
error: Contenuto protetto !