FOOD LAW ALERT IN CONVENZIONE CON GLI ORDINI DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DI VITERBO e ROMA

Lex Alimentaria Studio Legale in convenzione con l'Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Viterbo e di Roma mette a disposizione dei tecnologi iscritti all'Ordine il proprio servizio di monitoraggio e aggiornamento legislativo, denominato Food Law Alert.

Il servizio base è offerto in convenzione gratuita agli agronomi iscritti, previa compilazione del form, con decorrenza dall’agosto 2015 per dodici comunicazioni mensili.

Food Law Alert è il servizio di monitoraggio che seleziona e organizza in modo ragionato gli atti normativi e di regolazione del mercato alimentare.  Il servizio base consta di comunicazioni mensili contenenti il titolo e gli estremi di pubblicazione degli atti legislativi nazionali ed europei rientranti nella definizione di legislazione alimentare (art. 3, Reg. (CE) n. 178/02) pubblicati in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana (serie Generale) e della Gazzetta Ufficiale UE (serie L). L’invio della newsletter avviene solitamente entro i primi 5/10 giorni del mese successivo a quello di riferimento. L'erogazione di questo servizio non costituisce consulenza legale e non impegna la responsabilità dell'Autore. 

Per ricevere il servizio in convenzione gratuita, compilare il form seguente.  

 

Nome e Cognome *
Nome e Cognome
Le seguenti condizioni si applicano alla erogazione del servizio Food Law Alert in convenzione con Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Viterbo: 1. Il servizio è gratuito esclusivamente per i dottori agronomi e Dottori Forestali iscritti all'ordine di Viterbo che abbiano compilato integralmente e veritieramente il form (abbonato). 2. L’Abbonato è responsabile della correttezza e veridicità dei dati immessi. 3. Il servizio consta di dodici comunicazioni mensili, decorrenti da agosto 2015 a luglio 2016. 3. La riproduzione totale o parziale della newsletter, dell'impostazione generale e/o del layout è tassativamente vietata. 4. I contenuti della newsletter non costituiscono né potranno essere intesi come sostituivi di un parere giuridico, né potranno costituire fonte di responsabilità dell'Autore. 5. L’Abbonato riconosce che la denominazione “Food Law Alert” e l’impostazione generale del servizio sono proprietà dell’avv. Daniele Pisanello, titolare di LEX ALIMENTARIA Studio Legale. 6. La violazione di una delle condizioni summenzionate comporta in capo al all’Autore l’esclusione dal servizio, salvo il diritto al risarcimento del danno. 7. Il mancato consenso al trattamento dei dati e/o al ricevimento della newsletter impedisce la fruizione del servizio.
Ai sensi del D.Lgs. n. 196/03 sulla tutela della privacy, Vi comunichiamo quanto segue: 1. I dati forniti verranno utilizzati al fine di: (a) inviare le comunicazioni mensili oggetto della convenzione; (b) condividere novità in materia di legislazione alimentare. 2. Il titolare del trattamento è l’avv. Daniele Pisanello, via Cesare Battisti 33, Bologna. L'interessato può esercitare i diritti di cui all'art. 7 del citato Decreto (richiesta di cancellazione, integrazione modificazione dei dati, ecc.). 3. Ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. n. 196/03, Lei ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento;c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati. Inoltre, Lei ha diritto di ottenere:a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.